Benvenuto
Nome di Login:

Password:


Ricordami

[ ]

Per poter leggere i file nella sezione Download e per accedere alle sezioni riservate è necessario essere cliente e loggarsi con le credenziali che vi ho fornito. Chi non le avesse, mi contatti.




Thursday 23 February 2017
ELEZIONI FRANCESI: RISCHIO LE PEN a cura di Ilaria Spinelli e Silvana Vergara di Fideuram Investimenti
bon.cla il 23 Feb 2017 - 13:39 |
Le elezioni presidenziali francesi, che si terranno il 23 aprile, per il primo turno, ed il 7 maggio per il
ballottaggio, rappresentano un rischio politico importante a cui il mercato sta guardando con sempre
maggiore nervosismo, viste le sorprese dello scorso anno (Trump, Brexit).
Una parte dell’elettorato si sta spostando verso istanze populiste, anti-globalizzazione e anti-establishment
un po’ ovunque e questo potrebbe significare che Marine Le Pen, candidata per il partito populista di
estrema destra “Front National” (FN) e indicata dai sondaggi in vantaggio al primo turno con un 25% dei
voti, riesca a vincere a sorpresa anche al secondo e diventi il nuovo presidente della Francia.
La seconda economia dell’Area euro potrebbe così correre il rischio di essere guidata da un presidente che
vuole indire un referendum per l’uscita dall’Unione Europea (e, di conseguenza, dall’euro), secondo
quanto dichiarato dalla stessa Le Pen presentando il proprio programma elettorale pochi giorni fa. La stessa
possibilità che la Le Pen possa arrivare al secondo turno riporterebbe prepotentemente in primo piano il
rischio di break-up dell’euro e complicherebbe ulteriormente il funzionamento delle istituzioni comunitarie.
Al momento i sondaggi, sebbene diano la Le Pen vincitrice al primo turno, la danno perdente al secondo
turno contro i due candidati moderati potenziali sfidanti, con un margine sufficientemente ampio.
L’esperienza passata insegna però che, mancando ancora molto tempo alle elezioni, queste condizioni
possono cambiare.
Comunque, anche nell’ipotesi che Marine Le Pen diventi il nuovo presidente, è molto probabile che debba
“coabitare” forzatamente con un primo ministro non espresso dal suo partito (poiché il FN è molto lontano
dal poter conquistare la maggioranza parlamentare), il che ne limiterebbe di molto i poteri. Inoltre, secondo
i costituzionalisti francesi, per indire un referendum per uscire dall’euro sarebbe necessario modificare la
costituzione e questo richiederebbe il controllo di entrambe le camere del Parlamento (Assemblea
Nazionale e Senato), una condizione che al momento appare veramente improbabile.

per leggere il report clicca qui link

Monday 13 February 2017
Comunicato Stampa - Risultati Consolidati al 31 dicembre 2016 di FIDEURAM – INTESA SANPAOLO PRIVATE BANKING
bon.cla il 13 Feb 2017 - 11:04 |
RACCOLTA NETTA DEL 2016 TOCCA € 8,5 MILIARDI SUPERANDO (+8%) L’ECCELLENTE PERFORMANCE COMMERCIALE DEL 2015
CRESCITA DELLE COMMISSIONI NETTE (+5%) E CONTINUA ATTENZIONE AL CONTENIMENTO DEI COSTI OPERATIVI (-1%): COST/INCOME RATIO SCENDE AL 30%
UTILE NETTO CONSOLIDATO SALE A € 786 MILIONI, IN AUMENTO (+5%) NONOSTANTE IL CONTESTO SFAVOREVOLE CHE HA CONTRADDISTINTO LA PRIMA PARTE DELL’ANNO.

per leggere il comunicato clicca qui link

Vai a pagina       >>  
Archivio

Global OUTLOOK – Prospettive 2017 bon.cla @ (27 Dec 2016) (Finanza)
L'italia vota per lo status quo. bon.cla @ (05 Dec 2016) (Finanza)
Categorie News

 
CB Private Banker © 2009